Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

La classe 3C vincitrice del concorso “Vite in Comune”

20160509 131443La classe 3 C della Scuola Secondaria di I grado del nostro istituto è risultata vincitrice del concorso di idee “Crea il logo”, indetto dall’amministrazione comunale con la collaborazione delle associazioni Peoplehelpthepeople e Progresso per l’Europa, nell’ambito della campagna per la sensibilizzazione alla donazione degli organi e dei tessuti.
Lunedì 9 maggio, nel corso del convegno “Vite in Comune”, che si è svolto a palazzo Butera, i ragazzi sono stati premiati con una coppa ricordo.
In merito alla realizzazione del logo, la classe 3 C dell’Istituto Comprensivo "Ignazio Buttutta" è stata premiata perché “l’opera rappresenta con estrema semplicità ma grande impatto emotivo il valore della solidarietà legato alla donazione di uno degli organi, il cuore appunto, che rappresenta il gesto d’amore. Inoltre la tecnica utilizzata è una interessante ricerca tra figurativismo ed astrazione, con rigore formale e linearità.”


In rappresentanza del nostro istituto erano presenti il Dirigente Scolastico, Dott.ssa Tiziana Dino, le Proff. D’Acquisto Marianna e Re Barbara e gli alunni

  • II C: Viscuso Vincenzo
  • III C: Giangrasso Marika e Sclafani Antonella
  • II D: Campagna Giorgia e Tinnirello Alex
  • II F: Di Lorenzo Vito e D’Amaro Giuseppe
  • III F: Gargano Chiara e Reale Maria Chiara
  • II G: Cirrincione Claudia e Martorana Luana

Il logo vincente della classe 3C del nostro istituto e l’hastahag #daioggiperdareundomani (concorso vinto dalla classe 4 C del liceo scientifico D’Alessandro) serviranno per tutto il materiale informativo: brochure, locandine, manifesti, gadget, articoli e quant’altro per non spegnere i riflettori sull’importanza della donazione degli organi e dei tessuti.

ozio_gallery_jgallery